Category Archives: Lavoro e altre amenità

Invidia ( – 28 )

Provo un’invidia feroce per chi ha tempo.

Per chi ha tempo di scrivere.

Per chi ha tempo di leggere e di ascoltare musica.

Invidio chi ha voglia di fare il proprio lavoro.

Chi prova interesse per le cose di cui si occupa. Chi ha anche curiosità di studiarle.

Chi ha capito qual è il suo posto nella vita.

Provo un’invidia feroce per chi non ha la sensazione di buttare la propria vita, le proprie energie e il proprio cervello nel cesso, per 11 ore al giorno.

Invidio chi si fa mantenere dai propri genitori. (Senza che questo mi impedisca il disprezzo).

Invidio chi ha tempo di ballare il tango e chi lo sa ballare.

Non è un sentimento che mi era familiare.

E adesso è la misura della mia infelicità, confesso, senza assoluzione.

 

Advertisements

Invece c’è speranza ( – 188 )

Si parla del lavoro.

Per gli uomini, no. Secondo me speranza non c’è.

Maledetti venerdì ( – 192 )

Sono troppo stanca.

Questo è il periodo dell’anno in cui arrivo allo stremo e tutto inizia a incasinarsi. Nella fattispecie si incasina di venerdì.

Continuo a prendere appuntamenti che poi non rispetto, che prendo con tutto il cuore di mercoledì o giovedì, quando ho solo un’immensa voglia di uscire, e bidono di venerdì, quando trovare la forza di uscire di casa da sola per luoghi più distanti di 100 mt dal mio portone diventa impossibile.

Dovrei ricordarmelo di mercoledì. Lo so. Ma il mercoledì tendo ad essere ottimista,

E’ il venerdì che complica tutto.

Così alla fine le amiche sono incazzate, io sono incazzata (con un’aggiunta di frustrazione) e la vita fa schifo.

Due venerdì, quattro amiche bidonate. Bel risultato…. Gli unici che si salvano sono quegli amici che altri venerdì passano a prendere in macchina e quelli che accettano di entrare nel raggio di azione dei 100 mt… devo ricordarmelo mercoledì prossimo.

Odio essere così stanca. Odio non avere voglia di fare niente. Odio l’estate, quando sembra impossibile goderne.

Forse dovrei capitolare a metà strada e fare sesso col primo che capita.

Stress ( – 227 )

Però un bel modo per combattere lo stress sarebbe un uomo che mi prendesse e mi scopasse fino a farmi godere e godere e godere.

Con altri 200 e tot giorni di astinenza davanti quello che mi consola è che anche se mi portassi a casa un uomo le possibilità che lui mi facesse godere (e godere e godere) sarebbero veramente basse.

Quindi vada per birra e kebap.

‘Sti dementi ( – 233 )

Grosso stress lavorativo.

Più che altro grosso evento, tanta voglia di far bene (tante capacità e preparazione per farlo: bene) e ti trovi a interagire con impreparati clamorosi e arroganti. Che possono, e di fatto riescono, a mandare in pappa parte (buona parte) dei buoni risultati che potremmo avere.

‘Sti dementi.

 

p.s. Non posso non pensare a quanto sarebbe dura se in questi giorni mi dovessi sobbarcare anche un fidanzato. Thanks God questo evento cade nel mio anno senza uomini.

Ottime cose ( – 286 )

Oggi al lavoro ottima giornata.

Presentato un progetto con soddisfazione. Tutti contenti.

La mia vita non farà oggi cambiamenti epocali… but…

one step closer,